Sono stanco di aspettare

15/01/2009

vecchiE sì, sarò pure un cinico ma non ci posso fare niente.
Scopro che poi, sono notizie di questo tipo che alleviano il mio umore anch’esso sempre più PD dipendente; non ci posso fare niente, mi rimprovero, mi dico che non deve accadere, che in fin dei conti non si può ridere delle disgrazie altrui, soprattutto quando di mezzo ci vanno dei poveri vecchietti, mi dico anche che uno del PD non se lo può permettere di ridere sugli errori dell’avversario ma può gioire solo delle cose, eventualmente positive, che esso stesso è capace di costruire; è anche una questione di stile oltretutto.
Ma è più forte di me, non riesco a nascondere il sollievo che provo; è come se la parte cinica di me, lavorando con il bisturi, riesca a dividere perfettamente la parte buona da quella cattiva. Prende quella buona, quella fatta di sentimenti, di dispiacere, di sensibilità verso il povero vecchietto imbarazzato alla cassa del supermercato e la mette lontana da quella cattiva per non contaminarla, per salvaguardarla; poi prende quella cattiva, l’errore dell’avversario, la figuraccia del cantastorie Tremonti, lo spot pubblicitario sotto Natale e la apre per assaporarne lentamente i preziosi frutti. Con non senza imbarazzo tralascio il rossore delle guance del vecchietto quando si vede costretto a riportare sullo scaffale il prodotto che pensava invece di poter acquistare, e mi concentro su quello che egli può pensare in quei momenti, appena fuori. Penso a quel sentimento di rabbia, d’inganno, di ingiustizia, di delusione che si può provare, che monta forte, sempre più forte sino ad arrampicarsi fino al cervello. Chissà se si bestemmia, se si medita la vendetta, se questo basti per tirare delle conclusioni, se un fatto così increscioso venga appuntato in qualche angolino della memoria per poi essere ripescato al momento opportuno.
Ecco, tutto questo mi da un certo sollievo; vivo ormai di espedienti e non certo per colpa mia. Mi dico che in qualche modo devo aiutarmi, che non posso stare solo ad aspettare le parole del Pd che non arrivano.
Mi dico questo ma non basta. Mi sento sollevato ma non me lo perdono. Mi sento meglio ma non mi piaccio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: