Dai Souvenir non nasce la civiltà

22/01/2010

E’ passato un mesetto da quando, causa lancio di Souvenir, tutta la politica italiana si riprometteva di rasserenare il clima politico, si auspicava una certa distensione e ci si riprometteva un comportamento improntato a correttezza e cortesia, seppure all’interno di una dialettica politica che poteva anche avere accenti vivaci. Insomma, l’Italia, colpita sui denti, gonfiava il petto e si atteggiava a grande, democratica e civile nazione.

E seppure il finale già lo conoscevo allora, e solo la promessa di essere più buono e meno pessimista nell’anno nuovo mi frenava dallo scrivere questo post già in quei giorni, e visto come è andata a finire (solo qualche giorno fa il Pres. del Consiglio definiva le toghe “un plotone di esecuzione”), posso oggi, definitivamente, affermare che siamo di una pochezza imbarazzante?

Era evidente già allora che si stava facendo il passo più lungo della gamba; noi non siamo mica la Germania, la Francia, l’Inghilterra. O forse si pensava che bastasse dichiararlo, il più solennemente possibile ovviamente  – noi siamo abituati così, quando le cose le facciamo, le facciamo bene –  per aspettarsi comportamenti consequenziali?

Come se di colpo fosse possibile solo perché lo si dichiarava, come se non fosse invece un fatto di abitudine, di cultura, di tradizione, un qualcosa insomma che dovesse essere la risultanza di decenni di pratica democratica, di fair play, di rispetto reciproco nonostante le posizioni diverse, di tolleranza.

Lo si dice, lo si dichiara solennemente e allora lo si puo’ realizzare.

Anzi, quanto piu’ solennemente si dichiara l’intento tanto più ne è plausibile la riuscita.

C’è di mezzo il mare invece. Ci sono 30 anni di sottocultura, di educazione televisiva alla violenza, di privatizzazione delle scuole, di commistione con il malaffare, di conflitti d’interesse, di violenza alla costituzione.

Siamo ridicoli. Vedere l’Italia che, colpita sui denti, in un impetuoso scatto d’orgoglio, gonfia il petto ed indossa panni non suoi, storicamente non suoi, che non gli appartengono insomma, è semplicemente ridicolo. E’ come se inconsciamente conoscesse la strada da percorrere, la vede, l’ha studiata sui libri, vede come si fa nelle altre nazioni  ma poi…poi non ce la fa, non ne è all’altezza, ci sono mille ostacoli, mille interessi personali, processi da non fare, posizioni da salvaguardare.

La civiltà non si costruisce da un giorno all’altro, e neanche si compera al supermercato sotto casa. Bisogna prima seminarla, e forse, dopo trent’anni, qualcosa si raccoglierà.

Annunci

4 Risposte to “Dai Souvenir non nasce la civiltà”


  1. Legge per i processi brevi… come dare un tempo limite di 3 ore per raggiungere Palermo da Catania, però A PIEDI… invece di fornire gli strumenti per riuscire ad accorciare i tempi si forniscono… I TEMPI! D’altra parte, se lo scopo da ottenere è ben altro, lo scopo è stato raggiunto!

  2. ilferdinando Says:

    …mi preoccupa soprattutto la gente, molta, che sembra non capire.


  3. Il problema mi sembra sempre lo stesso: la gente ha poca voglia/tempo/strumenti per capire il significato dietro alla notizia e se quest’ultima è “processi brevi” pochi scavano a fondo per trovare il vero significato di una legge allucinante… terribile, ma la gente pensa che tutta questa “roba politica” non gli appartenga, a tutto vantaggio di chi invece se ne è impossessato!

  4. ilferdinando Says:

    …anestetizzati. Mai come ora.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: